mercoledì 4 febbraio 2015

UN NUOVO MODELLO ORGANIZZATO DI DEMOCRAZIA LIQUIDA

PREMESSA

Ho elaborato questo progetto piu' di tre anni fa, soprattutto pensando al m5s (cui poi mi sono iscritto) e mi pare ancora attualissimo dato che, purtroppo,   poco è cambiato sul blog di Grillo rispetto alla messa in campo di strumenti   che consentano, in modo autonomo ed organizzato una reale e diffusa democrazia diretta o liquida dal basso. 

Manca cioè  un modello nazionale di riferimento collettivo che consenta alla base ed ai cittadini, in modo uniforme e non dispersivo, di organizzare e coordinare un processo di sviluppo della democrazia diretta, dell'intelligenza collettiva e  delle competenze, nei vari settori, dei cittadini per la costruzione di programmi  e strategie. 

Anche se, con lex iscritti sono stati fatti grandi passi in avanti  non possiamo ancora parlare di  una vera democrazia dal basso diretta. 

Penso sia  fondamentale che queste contraddizioni vengano superate anche perchè da questo dipende la  possibilità di un completamento più organico e progettuale del programma politico-economico per un governo alternativo del Paese...


La democrazia con delega italiana è  infatti  da tempo in crisi. Ma, nonostante l'idea rivoluzionaria di nuova democrazia liquida alternativa, prevista  nel non statuto di Grillo, il m5s non è riuscito ancora a concretizzarla  in un progetto unitario e permanente, capace di  evitare dispersione e frammentazione, rischi storici di tutti i movimenti insieme a quella dell' autoritarismo di un capo o di una oligarchia .

OBIETTIVI

Per raggiungere questo obiettivo, servono   delle linee guida, per realizzare poi, collettivamente e democraticamente,  un sito-prototipo, che ritengo debba avvalersi, otre che di una piattaforma affidabile e sicura, di strumenti di supporto: 

-uno o più  Forum avanzati di pre-discussione, crescita culturale  e prima votazione, con funzione dunque anche autoeducativa,

- un BLOG-GIORNALE di informazione e controinformazione, e piattaforma liquida finale (attualmente la più avanzata appare Parelon) di voto e ratifica finale di proposte programmatiche e leggi da proporre ai portavoce in parlamento, 
 che potrà, in seguito, essere utilizzato da tutti i gruppi del m5s e/o da  movimenti che si ispirino alla democrazia diretta o liquida.

Questo consentirebbe alla base:

- l'utilizzo di uno strumento unitario di riferimento per un   miglior raccordo, coordinamento, interscambio ed organizzazione per i cittadini,

- l'uso di  canale  unico e permanente di dialogo, che ancora incredibilmente  manca, tra base e parlamentari  portavoce.

Attualmente, infatti, c'è il rischio che ogni gruppo crei un suo modello personale, con pericoli di dispersione e frammentazione, o di cadute in oligarchie o nell' autoritarismo di un leader carismatico. 
Una volta sperimentata e verificata la funzionalità di questo nuovo sito-modello, esso  potrà essere esteso ed applicato a tutti i livelli locali ( regioni, comuni).

La condizione preliminare è però quella di creare un gruppo di lavoro, delegato e provvisorio, formato da tecnici e persone con competenze organizzative e conoscenze dei processi democratici  che si occupi  di  realizzare il progetto stesso. 

DESCRIZIONE DEL  PROGETTO


Questo schema-modello, che ho elaborato, si pone dunque come una idea guida in tale direzione. riunendo(o integrando), in un unico contenitore o sito-modello 3 principali strumenti di democrazia già sperimentati negli anni, per una  loro  applicazione a livello di: COMUNE, REGIONE, NAZIONE.

In questa prima ipotesi, o opzione, ognuna di queste realtà dovrebbe  dotarsi dunque di  un sito di riferimento,  strutturato nello stesso modo, con le stesse piattaforme e struttura del gruppo di gestione ( eletto democraticamente dalle varie basi di iscritti e con le stesse regole di funzionamento ), soprattutto con REGOLE condivise chiare di gestione    per permettere, attraverso collegamenti interni,  un miglior coordinamento, interscambio, tra centro - periferia e viceversa, di idee, proposte, contenuti che ogni livello produrrà attraverso la pratica della democrazia diretta.


STRUTTURA DEL PROGETTO 

Secondo la mia idea il modello dovrebbe fondarsi, come anticipato all'inizio,   su tre strumenti principali indispensabili, oltre ovviamente ad uno staff delegato dalla base per la gestione e coordinamento :

1)-UN BLOG-GIORNALE:
 luogo di riunione  e scambio idee di carattere generale, attraverso commenti partecipati e scrittura di articoli, dunque anche con funzione  di giornale o rivista di controinformazione. In seguito esso potrà essere sviluppato, sul modello, ad es., del“Fatto quotidiano”, attraverso l'autogestione  di cittadini competenti in scrittura ( giornalisti,blogger ecc.) 

Obiettivo a lungo termine : costruire un  giornale ufficiale di controinformazione politica e culturale del movimento sia a livello locale che nazionale. Un ottimo modello è a mio parere WORD-PRESS.

2-UN FORUM ( o più forum similari): UNO STRUMENTO FONDAMENTALE, MA SOLO SE BEN STRUTTURATO E REGOLAMENTATO,  CON  FINI ANCHE EDUCATIVI PERCHE' SENZA CONOSCENZA, CULTURA DEMOCRATICA E COMPETENZA NON PUO' ESSERCI BUONA DEMOCRAZIA

 ( un esempio da non imitare è proprio  il basso livello dei confronti sul del forum di Grillo dove la mancanza dio regole e trasparenza gestionale produce solo dibattiti di basso profilo ed inconcludenti).

Un forum decente invece dovrebbe essere un    primo luogo di discussione, approfondimento delle questioni  e proposta, dotato di sezione con TAVOLI DI LAVORO,gestito a rotazione da staff trasparenti,  riservato ai cittadini iscritti  al forum da realizzare nelle varie sezioni tematiche meglio strutturate nelle categorie e sottocategorie ( economia, politica, territorio, società, cultura ecc,)in armonia con quelle della piattaforma finale collegata,  con la possibilità di un primo sondaggio-votazione semplificato, possibile in ogni sezione tematica   e con l'aggiunta di un archivio delle proposte qui approvate  in prima istanza. Tra esse quelle considerate più interessanti, ratificate  su una piattaforma liquida .
Fondamentale, come detto, soprattutto per i forum,  è la definizione di un REGOLAMENTO CHIARO E SEVERO per prevenire e gestire inevitabili conflitti.

Le proposte approvate potrebbero  essere  utilizzate per costruire  programmi locali, di area e/o inviate, se di carattere più generale, ai livelli superiori(livello nazionale ) per essere inserite nel  programma generale del movimento e poi presentate in parlamento da parte degli eletti.

Una sezione del forum  NAZIONALE, dovrebbe poi essere riservata alle discussioni e contatti tra la base ed i parlamentari portavoce, oggi disperse nelle singole pagine personali su facebook ecc., prevedendo una sezione con appunto  un canale di dialogo,  almeno sulle questioni di maggiore importanza e per la comunicazione di  nuove proposte approvate dalla base e magari un ARCHIVIO di raccolta cui attingere per utilizzarle nella scrittura del PROGRAMMA NAZIONALE.

Qui comunque, partendo da una sperimentazione già attuata in parte su un forum, ho descritto nel dettaglio come dovrebbe essere  organizzato e strutturato il forum nazionale di supporto alla piattaforma liquida:

3)- UNA PIATTAFORMA LIQUIDA

corredata da un secondo archivio di raccolta proposte approvate, strumento  finale  di  proposta e voto definitivo, da utilizzare sia a livello di locale che nazionale, per l'approvazione definitiva delle proposte approvate ed approfondite sul forum, trasformandole se possibile, con aiuto si esperti in materia,  in bozze di leggi. Naturalmente la Piattaforma servirebbe anche per eleggere i candidati alle varie cariche.

In sostanza il forum dovrebbe funzionare come una sorta di camera e la piattaforma come il senato.

Un sistema così strutturato ed organizzato consentirebbe, a mio parere, una maggiore funzionalità di tutto il processo di esercizio della democrazia liquida da parte dei cittadini e, soprattutto, un ampliamento della base e del numero dei cittadini coinvolti attivamente nella costruzione di uno stato più efficiente e di una  democrazia reale, oltre ad  controllo capillare   dei cittadini sulle varie scelte attuate nei diversi livelli descritti e  sulla qualità dei   contenuti ED UNA LORO CRESCITA CULTURALE (soprattutto attraverso forum e blog) CONSAPEVOLEZZA ATTRAVERSO IL CONFRONTO.

Permetterebbe  inoltre un  un coordinamento più semplice ed ordinato di tutto il processo ed interscambi all'interno di un movimento ed eventualmente tra movimenti limitando al minimo, anche attraverso regole chiare( si veda sempre con il link sopra postato un modello possibile di statuto e regolamento), l'assemblearismo, fenomeni di trolleraggio, manipolazioni,  dibattiti sterili che caratterizzano oggi la rete.

Veniamo agli aspetti pratici e di organizzazione .

LE FASI OPERATIVE:

-elezione, nel forum o nella piattaforma, di un gruppo provvisorio per la realizzazione del sito nazionale composto da un referente o coordinatore, amministratori per forum, blog, tecnici per installazione e gestione piattaforme, gruppo con competenze in scrittura, competenti in organizzazione e processi democratici.

-elezione di uno staff similare per i siti  regionali e locali.

-definizione delle linee guida, di un regolamento, di uno statuto e  certificazione  comuni sia a livello locale che nazionale attraverso un tavolo di lavoro sul forum nazionale .

-aggiunta di Eventuali altre piattaforme utili integrative.

LA GESTIONE DI TUTTO IL SUCCESSIVO PROCESSO DOVRA' OVVIAMENTE ESSERE ATTUATA DA GRUPPI DI GESTIONE DEMOCRATICAMENTE ELETTI ED IN CARICA SOLO PER UN TEMPO STABILITO (principio democratico della rotazione, collegialità, temporaneità delle cariche) OGNUNO CON UN PROPRIO RUOLO E FUNZIONE E CON COLLEGAMENTO E DIALOGO PERMANENTE CON I PARLAMENTARI CHE OPERANO NELLE ISTITUZIONI (CAMERA E SENATO)

DOVRA'  ESSERE STILATO UN REGOLAMENTO COSTRUITO DAL BASSO  CON REGOLE PRECISE PER GARANTIRE IL CORRETTO SVOLGIMENTO DI TUTTO PROCESSO DEMOCRATICO PREVEDENDONE I RISCHI DI POSSIBILI MANIPOLAZIONI E ALTERAZIONI.



IN ALTERNATIVA, E COME SEMPLIFICAZIONE DI QUANTO SOPRA DESCRITTO, SI POTREBBE TEORICAMENTE FAR COESISTERE SU UN UNICO SITO NAZIONALE DOTATO DI FORUM; BLOG E PIATTAFORMA LIQUIDA IL LIVELLO NAZIONALE CON QUELLO LOCALE ,CREANDO SEZIONI REGIONALI E SOTTOSEZIONI COMUNALI. CIO' ALLUNGHEREBBE OVVIAMENTE LA LISTA DELLE SEZIONI SIA SUL FORUM CHE SULLA PIATTAFORMA, MA FORSE RENDEREBBE PIU' FACILE ED UNITARIA LA PRATICA DEMOCRATICA E  GLI SCAMBI TRA CENTRO E PERIFERIA.


CONCLUSIONI FINALI

DEMOCRAZIA DIRETTA O  LIQUIDA?

Quando si parla di democrazia dal basso credo che occorra prima essere informati sul significato oltre che in generale di democrazia, su cosa sia la democrazia diretta e quella liquida perché tra la scelta dell’una o dell’altra passa una grande differenza. Personalmente ritengo che sia nella fase storica e culturale attuale optare per la scelta di una democrazia liquida ( MIX TRA DIRETTA, DELEGATA E PARTECIPATA)  E NON DI DEMOCRAZIA DIRETTA PURA.

Come ho già espresso sopra, per raggiungere una reale democrazia liquida ben organizzata e produttiva non basta a mio parere la sola piattaforma finale, ma servono assolutamente strumenti di supporto come forum e blog-giornale, ma solo se ben strutturati e regolamentati perché non finiscano col divenire, anzichè luoghi di primo confronto approfondimento, crescita culturale e della consapevolezza( FINALITA’ EDUCATIVA),  strumento di scontri di basso livello ed improduttivi come su quello lasciato alla deriva, di Grillo.

 Vorrei solo aggiungere che oltre alla mancanza di organizzazione e di regole precise , di sicurezza e controllo dal basso, di trasparenza, alla dispersione e frammentazione per conflitti interni,  i pericoli alla buona pratica di  democrazia liquida vengono storicamente anche dalla mancanza di competenze di chi la esercita.

 Vista la grande ignoranza, presente attualmente nel paese a livello politico ma anche  economico e sociale e culturale, sono dunque contrario  ad introdurre una democrazia diretta pura, perché evidentemente alcune questioni e la elaborazione di proposte programmatiche dovrebbe nascere  da gruppi di lavoro  di persone con un minimo di competenze in materia per evitare che passino proposte indecenti . Limiterei dunque la pratica della democrazia diretta alla elezione di questi gruppi ( o commissioni) e alla scelta finale tramite votazione di tutti i cittadini, della proposta ritenuta migliore tra quelle uscite dalle commissioni o gruppi di lavoro di competenti.

Concludendo mi pare  indispensabile, per una buona pratica della democrazia e per evitarne il fallimento come spesso avvenuto storicamente,  porre come caposaldo il criterio della COMPETENZA nella scelta delle commissioni delegate ad elaborare proposte o A VALUTARE EVENTUALMENTE PROPOSTE NATE ANCHE DA ALTRI CITTADINI.


 Per fare un esempio concreto, mi pare ovvio che  una riforma della scuola debba avere come protagonisti docenti ed operatori scolastici  competenti in materia oltre a  genitori che nella scuola hanno svolto ruoli nei consigli di classe e non debba essere elaborata da cittadini che poco conoscono della didattica o del funzionamento della scuola.

 I cittadini tuttavia hanno pari diritto di partecipazione ad un suo eventuale miglioramento e di controllo su quanto prodotto e, naturalmente, devono avere, in pari misura, la possibilità, in base alle loro conoscenze e competenze, di proporre ed elaborarne delle proprie per poi sottoporle ad una loro votazione ed eventuale approvazione. 

42 commenti:

  1. Una idea che mi pare davvero interessante, spiegata molto chiaramente.
    Complimenti, speriamo si arrivi ad una applicazione concreta perchè potrebbe portare ad una rivoluzione dell'attuale sistema marcescente.

    RispondiElimina
  2. Un dibattito su questo tema è fondamentale per trovare un mezzo valido di supporto,tuttavia credo che ora ci siano problemi più urgenti da affrontare viste le imminenti elezioni.

    RispondiElimina
  3. Non credo nelle democrazie assembleari impossibile gestirle

    RispondiElimina
  4. Una idea geniale anche se ripresa in parte da quella di Grillo.Il futuro forse passa anche da qui.

    RispondiElimina
  5. Ho fatto fatica a seguire tutti i passaggi ma l'idea sembra molto buona .
    Complimenti per le splendide opere.

    RispondiElimina
  6. Complimenti per l'idea,
    auguri di buone festività

    RispondiElimina
  7. Giusto potenziare l'organizzazione che è la base di un buon funzionamento di tutto.

    RispondiElimina
  8. Mi sembra una idea molto interessante che se realizzata con strumenti professionali potrebbe essere un punto di riferimento per costruire con i cittadini una democrazia diversa nel nostro paese.Mi auguro venga ripresa ed applicata da movimenti e forze politiche che vogliono cambiare questo sistema marcio e dove esiste ormai solo una "larva" di democrazia.

    RispondiElimina
  9. Sicuramente migliorerebbe concretamente le cose ,bisogna vedere se è tecnicamente realizzabile .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia è una simulazione esempio, non essendo un tecnico non posso dare una risposta certa ma, in base a quel che mi è stato detto la cosa seppur con la difficoltà dovuta soprattutto alla installazione permanente della piattaforma liquida è fattibile. In ogni caso si puo' sempre utilizzare la via del collegamento esterno.
      Grazie dei vostri interventi.
      Se son rose fioriranno...

      Elimina
  10. Ma mi pare che adesso tutti vogliano rincorrere Grillo.

    RispondiElimina
  11. Il rischio di dispersione di energie è reale ma stanno nascendo varie iniziative per una migliore organizzazione. Tutto quello che va in questa direzione è positivo anche se non so se questa idea possa essere applicata a realtà locali e nazionali.
    Sulla carta sembrerebbe tutto OK ,poi bisogna calarlo in una realtà complessa.

    RispondiElimina
  12. La trovo davvero una ottima idea noto che c'è molta confusione e mancanza di coordinamento nei movimenti ec questo progetto potrebbe se applicato dare una risposta positiva. E' quel che leggo chiedono molti cittadini e militanti sia di Grillo che di R.C.

    RispondiElimina
  13. Davvero una ottima idea.Complimenti.Molto utileanche per informarsi.

    RispondiElimina
  14. Credo lei abbia dato voce ad un problema chiave che se non risolto rischia di vanificare le buone intenzioni di partenza del M5S e che Grillo ha lasciato insoluto e ora vedo anche nel movimento di Ingroia. Il rischio di disperdersi, come dice, ma anche di esaurire la spinta propulsiva per un cambiamento radicale del modo di fare politica. Sulla carta i due movimenti ed anche altri sono nati per proporre la democrazia liquida ma fino ad ora non si è visto in Italia ancora traccia. Cio' è dovuto in parte anche alla passività e scarsa partecipazione dei cittadini abituati a delegare ad un capo la soluzione dei problemi e assunzione di responsabilità.
    Spero dunque che questa sua importante e lodevole iniziativa trovi una sua applicazione.
    saluri

    RispondiElimina
  15. Una idea che trovo molto interessante e lodevole nelle intenzioni. Il progetto è esposto in modo molto chiaro e convincente e, per quanto ho potuto constatare, estremamente urgente proprio per sanare la gran confusione in cui molti militanti dei movimenti si trovano a dover gestire senza avere gli strumenti idonei.
    A parole dall'alto si dice di voler realizzare la democrazia ma poi non si forniscono i mezzi necessari.
    Per questo mi auguro che iniziative come la sua vengano riprese e diffuse.
    Mi piace molto anche il contributo dato qui all'approfondimento attraverso i collegamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente si tratterebbe solo di iniziare a portarla avanti nella pratica.Purtroppo anche io non sono competente in informatica.

      Elimina
    2. Il problema è proprio questo, la volontà politica di portare avanti nel concreto iniziative di unità. speravo molto che potesse farlo Rivoluzione Civile ma vedo che non si muove foglia.
      A parole sembrano tutti per la democrazia ma poi a parte qualche rara eccezione dal basso, non ci sono iniziative serie se non qualche blog...

      Elimina
  16. E' esattamente la copia identica del mio progetto, solo che io l'ho già realizzato si chiama Ognuno Vale 1, se vuoi ne possiamo parlare segreteria @ ognunovale1 . it

    RispondiElimina
  17. Certo la cosa mi interessa
    se vuoi è possibile anche discuterne con calma sul forum collegato a questo blog
    saluti
    ps spero ti sia arrivata la email
    la mia la trovi in contatti

    RispondiElimina
  18. Ho visto e votato la proposta anche su Airesis, condivido in pieno la necessità di passare dalle parole ai fatti creando davvero,cosa che ne' Grillo ne' Ingroia hanno fatto strutture necessarie per permettere a tutti i cittadini di partecipare al processo di cambiamento.

    RispondiElimina
  19. Se queste linee fossero applicate e potenziata la rete avremmo davvero una democrazia dal basso, mi chiedo perchè non lo si porti avanti.

    RispondiElimina
  20. In effetti poco si è mosso in questi mesi a parte l'iniziativa del sito m5s parlamento e alcune votazioni promosse da Grillo si è ancora nella improvvisazione estemporanea,credo ormai che siano parecchi ad essere critici su questi ritardi incomprensibili.

    RispondiElimina
  21. Ma quello di cui si parla in questo articolo esiste già ed è il sito di Beppe Grillo! Piano piano si sta evolvendo e credo che diventerà una piattaforma molto potente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sbagli, non esiste un forum di discussione ben impostyato e neppure una piattaforma permanente di discussione e voto, ne' un canale di dialogo permanente con i parlamentari.Sono iscritto al m5s da un anno, molti iscritti hanno richiesto cambiamenti ma a parte l'introduzione di una piattaforma di voto saltuario e di miglioramento alcune leggi , non c+ un sito organico come quello descritto per una reale democrazia diretta.Inoltre il sito che intendo dovrebbe essere autogestito autonomamente dal m5s seppur collegato al blog di Grillo.

      Elimina
  22. Il forum di grillo fa pena non si riesce a combinare nulla e in effetti sono ormai molti a dire che occorre qualcosa di diverso questa mi sembra una ottima idea .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo aggiungere che la necessità di un sito nazionale ,possibilmente autonomo da quello di Grillo si sta ormai diffondendo ,sullo stesso forum di Grillo sono nate numerose iniziative per cercare di raggiungere l'obiettivo , ma credo che finchè i parlamentari non si faranno carico del problema poco si riuscirà a fare data la questione che è essenzialmente politica e legata alle resistenze di Grillo .

      Elimina
  23. Non mi pare che con la nuova versione di Rousseau si vada in tale direzione . Speriamo ci si decida a portare avanti davvero una vera democrazia diretta.

    RispondiElimina
  24. Bella proposta, molto salda e bilanciata. Qual'e' il prossimo passo ad oggi per spingere il M5S a riprenderne alcuni tratti (o principi), o per creare un'entita' autonoma che non incontri i fallimenti delle altre piattaforme?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio parere, quelli che ho indicato usando Rousseau meglio o Parelon. come ho scritto in altro post per me la democrazia diretta puo' funzionare solo se ben organizzata e strutturata negli strumenti.

      Elimina
  25. Trovo la tua proposta interessante e forse anche adatta a superare alcuni dei problemi del M5S, in particolare l'assenza di un dibattito organizzato e costruttivo. La proposta, tuttavia, non c'entra nulla con la "democrazia liquida" che è basato sul concetto di delega revocabile in cui ciascuno sceglie liberamente, se crede, quale "esperto" delegare per una particolare materia.

    RispondiElimina
  26. No è cosi: la democrazia liquida è un mix tra diretta delegata e partecipata.In ogni caso, questa mia proposta pur apprezzata da molti e proposta da anni è stata vagliata solo dal Gruppo parelon , difficile che Casaleggio, cui l'avevo inviata e gli attuali vertici la prendano in considerazione visto che hanno preferito creare lex iscritti, che qualche risultato lo sta dando ma presenta problemi di sicurezza e non è del tutto gestita dal basso.Saluti e grazie del commento.

    RispondiElimina
  27. No è cosi: la democrazia liquida è un mix tra diretta delegata e partecipata.In ogni caso, questa mia proposta pur apprezzata da molti e proposta da anni è stata vagliata solo dal Gruppo parelon , difficile che Casaleggio, cui l'avevo inviata e gli attuali vertici la prendano in considerazione visto che hanno preferito creare lex iscritti, che qualche risultato lo sta dando ma presenta problemi di sicurezza e non è del tutto gestita dal basso.Saluti e grazie del commento.

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  29. Da Wikipedia
    "Delegative democracy, also known as liquid democracy,[1] is a form of democratic control whereby an electorate vests voting power in delegates rather than in representatives. The term is a generic description of either already-existing or proposed popular-control apparatuses.[2]"
    "Democrazia delegativa" e "democrazia liquida" sono quindi sinonimi. Quello che tu chiami democrazia liquida è un'altra cosa.
    (Ho eliminato il post precedente perché un errore di battitura lo rendeva difficilmente comprensibile)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che sono anni che me ne occupo a livello teorico,ma anche pratico avendo partecipato a diverse liquid feedbackregionali, in alto a destra , sempre che sia ancora attivo( son passati anni) c'è un post che spiega bene cosa sia la democrazia liquida applicata alle piattaforme liquid feedback( la perima fu quella utilizzata dai pirati tedeschi). Wicki non è certo una enciclopedia affidabile essendo fatta col contributo di cittadini che collaborano e spesso spara cavolate. Comunque ci sono anche testi sulla materia che mi sono letto ai tempi, ma di cui non ricordo autori ed edizione. Il fatto stesso che le piattaforme per la democrazia liquida utilizzino in prevalenza quella diretta ( la delega c'è solo in casi limite) smentisce una sua equivalenza con la delegata.Ripeto in sintesi la democrazia diretta in rete si fonda su un processo di proposte di legge o di altri contenuti dal basso direttamente da parte degli iscritti che a volte causa impegni ppossono delegare a persone di fiducia il voto. In sostanza come detto è un misto tra democrazia diretta, delegata e partecipata.

      Elimina
  30. PS : questo il link del post citato sopra:http://www.scienzainrete.it/contenuto/articolo/democrazia-liquida

    RispondiElimina
  31. Non frequento molti convegni regionali, caro Angelo, ma frequento molto più la letteratura scientifica internazionale. Esiste una rivista scientifica che si occupa di questi argomenti, "The Liquid Democracy Journal". Sul primo numero della rivista trovo questa definizione:
    "This is where Liquid Democracy offers a promising solution. The basic idea: voters can delegate their vote to a trustee (technically a transitive proxy). The vote can be further delegated to the proxy's proxy thus building a network of trust. All delegations can be done, altered and revoked by topic; e. g. I myself vote in environmental questions, Anne represents me in foreign affairs, Mike represents me in all other areas – but I can change my mind at any time. "
    [Andreas Nitsche, "Liquid Democracy - what all the noise is about", March 10, 2014, Liquid Democracy Journal, Issue no. 1]

    Puoi facilmente controllare che questa definizione di Liquid Democracy è quella implementata da LiquidFeedback ed anche dai Partiti dei Pirati, tedesco e italiano.
    Persino nel link che hai postato, nel testo un po' confuso di Valeria Cazzaniga trovo:
    "Il sistema di democrazia rappresentativa creato da Liquid Feedback serve a delegare gli attivisti certificati di cui ci si fida a prendere decisioni su scelte che implicano un numero maggiore di persone, come per esempio la scelta di un candidato su scala regionale/nazionale, o la scelta di un programma rispetto ad un altro."

    Come dicevo prima, quello che scrivi nel post è interessante ma non c'entra nulla con la Liquid Democracy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che non conosco l'Inglese ( mi hanno condannato ai tempi a studiare il tedesco)non voglio addentrarmi in una disquisizione sulle definizioni ma ti faccio presente che se hai letto fino in fondo il post da cui hai estratto solo una parte, si parla poi di democrazia liquida a proposito delle liquid feedback come un processo nuovo in cui nel tempo sono entrate democrazia diretta e partecipata. Quello che conta per me sono i fatti concreti: in tutte le piattaforme definite liquide fino alla ultima semplificata di Parelon ( che sono venuti da tutto il mondo a visionare con vari convegni di studiosi e dove si pratica la democrazia liquida ) che se non conosci ti invito a visionare in rete, si pratica di fatto una democrazia partecipata, diretta e delegata in contemporanea. Chiamala come ti pare se non ti va bene liquida ma nei fatti e sono incontrovertibili nelle liquid Feedback si praticano queste tre forme. Per tornare al mio progetto esso si fonda essenzialmente sulla costruzione di un percorso di strumenti integrati a gestione dal basso che privilegia la democrazia diretta e partecipata e dove la delega si limita alla gestione o autogestione degli strumenti. Mi perdonerai ma resto della mia idea, sono le applicazioni pratiche che contano e definiscono le forme di democrazia. La delega comunque nel mio progetto non c'è quasi per nulla. Non la posso definire diretta perchè c'è anche quella minima delegata e partecipata, per cui per me resta liquida nella nuova definizione che ormai è entrata nella prassi comune dopo le sperimentazioni citate.

      Elimina
  32. PS: comunque dato che hai citato wiki questa è una delle definizioni che circolano li' e su altri siti similari e che si avvicina a quella dei pirati tedeschi integrata dai successivi sviluppi e che dimostra che anche sul piano delle definizioni forse fai un po' confusione, o forse la fanno gli studiosi che citi rimasti evidentemente indietro rispetto alla sua evoluzione: "La democrazia liquida è un modo di esercizio della democrazia nella quale i cittadini possono decidere in che forma esercitare il proprio potere politico, scegliendo, nella massima libertà, se esercitarlo in prima persona, o se delegarlo a un suo rappresentante di fiducia (il delegato). La democrazia liquida integra sia i concetti di democrazia diretta, sia quelli di democrazia rappresentativa".Saluti

    RispondiElimina
  33. Angelo, scusa, pensavo che capissi l'inglese. Ti traduco i due pezzi che ho citato. Per quanto riguarda la confusione... quello che scrivi è fuori da tutta la discussione internazionale.
    "Delegative democracy, also known as liquid democracy,[1] is a form of democratic control whereby an electorate vests voting power in delegates rather than in representatives. The term is a generic description of either already-existing or proposed popular-control apparatuses.[2]"
    La democrazia delegativa, conosciuta anche come democrazia liquida, è una forma di controllo democratico in cui un'elettorato assegna il potere di voto a delegati piuttosto che a rappresentanti. Il termine è una descrizione generica di sistemi di controllo popolare già esistenti o proposti.
    --------------------------------------------------------------
    "This is where Liquid Democracy offers a promising solution. The basic idea: voters can delegate their vote to a trustee (technically a transitive proxy). The vote can be further delegated to the proxy's proxy thus building a network of trust. All delegations can be done, altered and revoked by topic; e. g. I myself vote in environmental questions, Anne represents me in foreign affairs, Mike represents me in all other areas – but I can change my mind at any time. "
    Questo è la ragione per cui la democrazia liquida offre una soluzione promettente. L'idea di base: i votanti possono delegare il loro voto a persone di loro fiducia o proxy. Il voto può essere ulteriormente delegato da un proxy ad un altro proxy, costituendo così una rete basata sulla fiducia. Tutte le deleghe possono essere assegnate, modificate e revocate per argomento. per esempio: voto io stesso sulle questioni relative all'ambiente, Anne mi rappresenta per quanto riguarda la politica estera e Mike in ogni altro campo, ma io posso cambiare queste deleghe in qualunque momento.
    -------------------------------------------------------
    Poi, naturalmente, tu puoi chiamare democrazia liquida quello che vuoi, ma nessuno al mondo ti capirà mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai citato una fonte probabilmente vecchia, io te ne ho citate diverse che affermano il contrario, In Italia il concetto è chiaro a tutti nei vari convegni che ci sono stati organizzati da Parelon e m5s, nella pratica concreta e non sto a ripetermi coesistono le tre forme citate. Ovviamente sei libero di continuare a pensarla come meglio credi. Magari iscriviti ad una liquid e verificherai tu stesso che la delega è limitata nelle vecchie piattaforme e nelle nuove addirittura si pensa di abolirla del tutto.Ciao-

      Elimina

PER COMMENTARE CLICCA SU COMMENTI

AVVERTENZA
Questo blog è uno spazio libero ma post con insulti personali verso chiunque non verranno tollerati Il gestore del blog non è comunque responsabile del contenuto dei commenti per i quali ognuno si assume interamente la responsabilità di quel che scrive i.
Se incontrate difficoltà di inserimento , postate come anonimo oppure iscrivetevi al nostro forum.